Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Colite e colon irritabile: cause e rimedi

Si parla impropriamente di "colite" quando è presente un’infiammazione di una parte dell’intestino (colon), che può avere diverse cause, per esempio infettive o autoimmunitarie. Il termine “colite” è molto generico e comprende una serie di malattie e situazioni molto diverse tra loro, che hanno però in comune l’infiammazione.
Una delle condizioni più comuni associate all’ infiammazione intestinale è l’IBS (irritable bowel syndrome), o sindrome da colon irritabile. Sono soprattutto le donne, in particolare le giovani, che ne soffrono. L’IBS, tuttavia, non possiede un fattore scatenante specifico, ma è un disordine “funzionale”: si diagnostica cioè attraverso i suoi sintomi e non attraverso le cause, perché queste sono tuttora sconosciute. I sintomi sono gonfiore, meteorismo e dolore addominale, che in genere migliorano o si risolvono temporaneamente dopo aver evacuato. L’IBS è sempre associata anche a un’alterazione delle feci: a volte a stipsi, a volte a diarrea, oppure a entrambe le condizioni alternativamente.
Anche se non si conoscono le cause, è noto che cattiva alimentazione, stress, ansie e tensioni giocano un ruolo fondamentale nel peggiorare i sintomi dell’IBS. 

Correggiamo l’alimentazione e non solo

È importante, quindi, mangiare correttamente, evitando alimenti irritanti per l’intestino, praticare regolarmente attività fisica, avere una buona qualità del sonno, migliorare ansia e stress.
Un ecosistema intestinale più equilibrato può aiutare a ridurre i sintomi. La nostra microflora, infatti, ha una relazione stretta con la mucosa intestinale; i batteri “buoni”, come i lattobacilli e i bifidobatteri, sono in grado di produrre sostanze benefiche per l’intestino, e competono con i batteri “cattivi”, che spesso provocano fermentazioni anomale e aumentano l’infiammazione.
A sua volta, il colon irritato influenza la composizione della microflora, sbilanciandola a favore dei batteri “cattivi”. Per questo motivo può essere utile assumere simbiotici, che aiutano la microflora dell’intestino e la aiutano a ritrovare un corretto equilibrio.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.