Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Dormire bene in gravidanza, ecco come

Insonnia in gravidanza

Durate la gravidanza il ritmo sonno-veglia è irregolare. Nulla di strano, però: sono gli ormoni, così come l’ingombro del pancione, la causa principale. Tipicamente le difficoltà aumentano con l’ultimo trimestre. Se infatti il primo trimestre è caratterizzato da stanchezza diurna dovuta ai livelli elevati di progesterone, con il secondo la situazione sembra migliore: i livelli di progesterone si normalizzano e in genere la futura mamma riesce a riposare meglio. Con il terzo, oltre alle maggiori dimensioni del pancione, nascono altre criticità: la crescita dell’utero pesa sulla vescica e può aumentare l’esigenza di urinare e quindi di alzarsi di notte. Anche i movimenti del bambino, più forti, possono causare risvegli. D’estate la situazione può essere particolarmente fastidiosa perché le donne in attesa avvertono il caldo con maggior intensità dal momento che la loro temperatura corporea è più alta. Inoltre si possono verificare improvvisi crampi ai polpacci, dovuti alla carenza di alcuni minerali. Nell’ultimo periodo un trenta per cento delle donne in gravidanza soffre poi della cosiddetta sindrome delle gambe senza riposo con formicolii che si placano solo con il movimento. La causa? Ancora una volta la carenza di alcuni nutrienti. Non dimentichiamo infine che la difficoltà a prendere sonno può essere legata anche all’ansia per l’imminente parto e allo stress accumulato durante il giorno.

Buone abitudini di vita

Che fare allora? Prima di tutto rallentiamo i ritmi, soprattutto dal terzo trimestre in poi. Attenzione a mantenere sane abitudini alimentari: alla sera, consumiamo cibi leggeri senza alcool e caffeina ed evitiamo di andare a letto subito dopo aver mangiato. Ottima scelta quella di conciliare il riposo con una tisana: quelle vegetali con effetto sedativo come la valeriana sono ideali in gravidanza, sempre senza esagerare e magari dopo un’attività rilassante come la lettura, una passeggiata o un buon film.

Come dormire in gravidanza

Attenzione anche ad altri aspetti pratici. Ad esempio il materasso: scegliamolo di qualità. Quello ideale deve adattarsi alla forma del corpo, e cioè non deve essere né troppo rigido né troppo morbido. Preveniamo il reflusso gastroesofageo, frequente in gravidanza, dormendo con un cuscino sotto le spalle e manteniamo una buona aerazione della camera da letto, che non deve mai essere troppo calda. Cerchiamo di curare l’igiene del sonno andando a dormire ogni sera e alzandoci ogni mattina alla stessa ora, anche durante il fine settimana. Usiamo la camera da letto solo per dormire: evitiamo cioè di rimanere coricati anche per guardare la tv o mangiare. Per la stessa ragione se non riusciamo a dormire non restiamo sdraiati: alziamoci, usciamo e facciamo qualcosa di piacevole come leggere un libro. Ricordiamoci poi di mangiare sempre a orari regolari, evitando le abbuffate, scegliendo cibi ricchi di carboidrati e di calcio come pane, pasta, ma anche latte e formaggi.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.