Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Fastidi intimi, se la causa è psicologica

I fastidi intimi femminili, come bruciore e dolore, non sono causati solamente da irritazioni, infezioni o da sbalzi ormonali. Spesso non ci rendiamo conto di quanto i genitali femminili siano i bersagli su cui si scarica gran parte dello stress quotidiano. Stress ma anche ansia potrebbero essere infatti le cause principali di questi sintomi, i quali a loro volta innescano un circolo vizioso che porta la situazione a peggiorare. I sintomi di una condizione di stress somatizzata a livello genitale vanno essenzialmente dal prurito e dal bruciore fino a una condizione dolorosa nota come vulvodinia. Quando sono presenti ansia e stress, infatti, è frequente un’iperattivazione cronica di sostanze infiammatorie che quindi contribuiscono all’infiammazione dei tessuti e quindi al senso di bruciore, prurito e dolore. In queste situazioni, infatti, alcuni neuromediatori dello stress partono dal sistema nervoso centrale e giungono in alcune zone bersaglio provocando queste reazioni. Non a caso nelle donne che soffrono di frequenti disturbi genitali si ritrovano spesso caratteristiche psicologiche comuni: una certa tendenza al controllo e una difficoltà nel lasciarsi andare emotivamente, soprattutto nell’intimità.

Quando il prurito diventa dolore

Spesso prurito e bruciore si associano anche ad altre condizioni, come la vulvodinia già citata (ovvero dolore diffuso o localizzato alla vulva) e il Lichen simplex, che si pensa essere causata dai neuromediatori dello stress psicologico. Quest’ultima condizione si manifesta soprattutto con un intenso prurito serale che si accentua in posizione seduta o dopo aver indossato indumenti stretti. Chiaramente tutte queste cause di prurito e bruciore aumentano con il grattamento: è utile in questi casi, accanto alle terapie che prescriverà il ginecologo, assicurarsi dunque di mantenere sempre i tessuti molto ben idratatati rinforzandone la struttura stessa. Un buon rimedio sono le creme topiche a base di estratti vegetali e di acido ialuronico, capaci di mantenere un buon trofismo e un’idratazione ideali.

Gli accorgimenti contro il bruciore vulvare

Senza questi accorgimenti, è facile che il bruciore si trasformi in dolore: la vulva infatti è una parte dell’anatomia femminile che richiede cure specifiche. Rivestita per l´80 per cento da cute, ma densa di pieghe, è vicina a zone ad elevata secrezione e ricche di ghiandole e follicoli piliferi. Tutto ciò la rende delicata e la predispone a episodi infiammatori. Accanto all’impiego di creme emollienti e idratanti, è importante quindi che le donne predisposte a disturbi intimi imparino anche a non tenere le gambe accavallate a lungo, a utilizzare saponi intimi delicati e a non esagerare con pratiche sportive stressanti per l’area genitale come lo spinning o la bicicletta.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.