Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

I cibi ad azione antinfiammatoria

I cibi ad azione antinfiammatoria

I cibi antiinfiammatori sono degli alimenti funzionali in grado di produrre un effetto terapeutico sull’organismo. Ricordiamo che le infiammazioni sono sostanzialmente dei meccanismi di difesa del corpo in risposta a determinate lesioni o traumi subiti. Esse possono provocare arrossamento, gonfiore e una fastidiosa sintomatologia dolorosa che, talora, può anche risultare invalidante. In altri casi, invece, le infiammazioni possono anche essere completamente asintomatiche, ma nel lungo tempo possono dare luogo a patologie piuttosto importanti.

Ne consegue che prevenire e contrastare gli stati infiammatori è piuttosto importante. Farlo con una dieta equilibrata e sana, rappresenta la soluzione migliore e meno invasiva.

Principali alimenti antiinfiammatori

Tra i principali alimenti antiinfiammatori segnaliamo:

l’olio extravergine di oliva: questo delizioso e diffuso condimento, soprattutto se consumato crudo, contribuisce in maniera efficace a prevenire e combattere gli stati infiammatori, in quanto contiene un prezioso elemento denominato oleocantale, che risulta essere ancor più indicato del classico rimedio farmacologico, ovvero l’ibuprofene.

le amarene: come emerso da uno studio condotto dall’Università di San Francisco, il succo di amarene possiede delle importanti capacità antinfiammatorie, in quanto è ricco di antiossidanti e di vitamine. Risulta essere molto più efficace dell’aspirina per lenire i dolori muscolari e reumatici.

il mirtillo rosso: essendo ricco di flavonoidi (composti chimici naturali), è in grado di contrastare in maniera efficace l’azione dei marcatori di infiammazione.

le mandorle: uno studio condotto da alcuni ricercatori di Taiwan ha rilevato che questa tipologia di frutta secca sarebbe in grado di ridurre in maniera significativa le cosiddette citochine infiammatorie.

Il principale beneficio dei cibi antinfiammatori consiste nel produrre i medesimi benefici di un farmaco di sintesi, senza tuttavia determinare effetti collaterali e controindicazioni di sorta; si pensi, ad esempio, agli effetti negativi causati alla mucosa dello stomaco, ai reni e all’intestino o al fenomeno di assuefazione che, alla lunga, rende l’antinfiammatorio farmacologico inefficace. 

 

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.