Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Igiene intima femminile per ogni età

Igiene intima femminile per ogni età

Se l’igiene è importante, ancor di più lo è quella intima femminile. Ma allo stesso modo occorre evitare l’eccesso opposto, ovvero un’igiene troppo intensa che rischierebbe di turbare l’ecosistema batterico normalmente presente nei genitali femminili: la vagina costituisce il tramite tra l'esterno e l'apparato interno e i batteri fungono da barriera contro eventuali aggressioni. Alcune buone norme possono essere di grande aiuto. Innanzitutto è importante detergersi e sciacquarsi sempre dall'alto verso il basso: in questo modo evitiamo di trascinare i batteri intestinali, presenti nella zona anale, verso la vagina e l'uretra. Inoltre è meglio scegliere prodotti delicati e dal pH leggermente acido, cioè attorno a 4, 4,5: i comuni saponi, infatti, causano reazioni alcaline non adatte all'igiene intima.

Bambine e adolescenti: delicatezza e protezione

Un'igiene intima corretta aiuta a prevenire i disturbi che interessano l'apparato genitale femminile: in assenza di una detersione efficace, infatti, anche i disinfettanti potrebbero risultare meno utili. Tuttavia l'apparato genitale femminile è regolato da meccanismi ormonali che cambiano nel corso della vita. Fondamentale quindi che la corretta igiene intima femminile, né scarsa né troppo intensa, rispetti le fasi della vita. Ad esempio, alla nascita la bambina ha cute e mucose delicate che richiedono una detersione delicata, meglio se con latte o olio detergenti. Inoltre la carenza di estrogeni rende le mucose genitali vulnerabili alle infezioni da parte di germi: è in questa età che occorre insegnare alle bambine a lavarsi da sopra a sotto per evitare la contaminazione con i batteri della zona anale, causa di vaginiti e cistiti. Con la comparsa delle mestruazioni, l’igiene deve essere particolarmente curata: accurati bidè vanno fatti anche durante il flusso mestruale. Se non ci sono problemi o patologie particolari, i detergenti migliori per la ragazza sono sempre a pH acido, meglio se a base di timo o salvia.

Gravidanza, puerperio e menopausa

Durante la gravidanza l’igiene non va trascurata, preferendo la doccia al bagno per evitare un’eccessiva vasodilatazione. Anche durante il puerperio l’igiene deve essere accurata ma non eccessiva, sia per la presenza delle secrezioni vaginali del primo mese dopo il parto, sia per gli esiti di un’eventuale episiotomia, ovvero l’incisione vulvovaginale effettuata per facilitare il parto: la ferita e la relativa sutura possono, infatti, infettarsi. Anche in questo caso sono indicati prodotti a base di estratti vegetali come il timo, che ha una funzione antinfiammatoria e antibatterica, e di acido ialuronico. Dopo la menopausa, le mucose della vulva tendono a diventare meno idratate: sono utili quindi le creme a base di acido ialuronico ed estratti vegetali. La secchezza genitale associata a prurito può indicare un’atrofia, cioè un progressivo cambiamento della struttura della mucosa vulvovaginale: la superficie e le pareti si assottigliano e possono presentare delle screpolature. In questo caso sono da evitare i detergenti aggressivi, preferendo quelli lenitivi a base di camomilla.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.