Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Intestino pigro: l’acqua giusta

Intestino pigro: l’acqua giusta

Due litri di acqua al giorno: è questo l’imperativo che i medici non si stancano di ricordarci. Ne va della salute di tutto l’organismo, ma in particolare del benessere intestinale. L’acqua abbondante è infatti un rimedio importante, accanto a una dieta equilibrata e ricca di fibre, contro la stitichezza occasionale. L’importanza dell’idratazione è stata evidenziata da uno studio pubblicato sull’American Journal of Gastroenterology. I ricercatori hanno preso in esame oltre 8 mila adulti a cui è stato somministrato un questionario sulla consistenza delle feci, sulla dieta seguita e sulla quantità di liquidi assunti. Il risultato è stato chiaro: tra le persone che consumavano pochi liquidi il problema stitichezza era più frequente rispetto a chi beveva almeno un litro e mezzo di acqua al giorno.

Gli alimenti giusti per la regolarità

È quindi evidente che per prevenire e trattare la stitichezza è importante bere molto, lontano dai pasti, e accrescere la quantità di fibre alimentari attraverso una buona quantità di frutta e verdura. In particolare sono utili zucchine, broccoli, spinaci, carciofi e cavolfiori così come minestroni e brodi. Se le fibre alimentari non bastano, può essere utile un apporto aggiuntivo di fibra di psyllium che, a contatto con l’acqua, forma un gel in grado di rimettere in moto la naturale regolarità senza irritare le pareti intestinali. Altra buona norma è quella di limitare l’assunzione di e caffè evitando inoltre i formaggi fermentati, i fritti e i grassi di origine animale. Tutti i liquidi, escluse le bevande alcoliche e quelle a base di caffeina, contribuiscono infatti a rendere le feci più morbide e, contemporaneamente, ad aumentarne la massa facilitandone il transito e l’espulsione.

Acqua: rimedio contro la stitichezza

Naturalmente c’è acqua e acqua. Per chi ha la tendenza all’intestino pigro, con episodi frequenti di stitichezza, utilissime sono le acque con buone quantità di magnesio. L’acqua magnesiaca ha una presenza di questo minerale superiore ai 50 milligrammi per litro. Se una carenza di questo minerale può causare stanchezza muscolare, minore resistenza allo stress e rallentamento intestinale, le acque con elevate concentrazioni di magnesio aiutano a combattere la stitichezza riducendo anche il bruciore di stomaco e regolarizzando l’equilibrio acido-basico dell’organismo. Buone proprietà contro la stitichezza anche per le acque solfate (concentrazione di solfati superiori ai 200 milligrammi per litro), utile in chi soffre di colon irritabile.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.