Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Psyllium, contro diarrea e stitichezza

Psyllium, contro diarrea e stitichezza

Si fa un gran parlare delle fibra di psyllium, ottima per migliorare il transito intestinale. Ma di cosa si tratta? E quali benefici porta all’organismo? Il prodotto che troviamo oggi in commercio è costituito dalla pellicina che riviste i semi della Plantago Ovata, un’erba coltivata soprattutto in Iran, India, Pakistan e negli Stati Uniti. Cresce nei pascoli e nelle radure di boschi aperti, su suoli sabbiosi e aridi d’estate. La polvere ottenuta da questo prodotto, una volta a contatto con i liquidi nell’intestino, si espande fino ad aumentare di più di venti volte il proprio peso. In questo modo richiama liquidi nell'intestino, stimola la peristalsi e quindi l'evacuazione. La fibra di psyllium svolge due azioni: è un lassativo naturale e delicato, ma al contempo regolarizza il transito anche in caso di diarrea. L’assorbimento dei liquidi in eccesso, permesso dallo psyllium, aumenta infatti la consistenza della massa fecale. Non solo: riduce l’assorbimento dei grassi, con un impatto positivo sul colesterolo Ldl (quello “cattivo”), e degli zuccheri, con un effetto ipoglicemizzante. Inoltre, va ricordato, questa fibra non è in alcun modo irritante per l’apparato digerente.

Tutti i vantaggi della fibra di psyllium

Va segnalato inoltre che i semi di psyllium hanno anche proprietà prebiotiche: facilitano cioè la crescita della flora batterica. Per questa ragione sono utili per rinforzare le difese immunitarie, che partono proprio dall’intestino, e per prevenire le patologie che lo colpiscono. Rendendo inoltre la massa fecale consistente ma al contempo morbida, questa fibra è indicata anche in chi soffre di emorroidi o ragadi anali: grazie all’effetto lubrificante, rende l’espulsione delle feci più facile. Ottimo anche l’uso della fibra di psyllium in caso di infiammazioni intestinali, diverticolosi e di intestino irritabile

Quanta e come prenderla

Ma come vanno assunti i semi di psyllium? Tendenzialmente in caso di stitichezza è sufficiente sciogliere un cucchiaio di polvere in un bicchiere d’acqua, che sarà da bere due volte al giorno. Ciascuna assunzione dovrebbe essere seguita da un altro bicchiere di acqua liscia. Quando invece è presente la diarrea è meglio assumere il preparato con poca acqua e senza il bicchiere successivo. In entrambi i casi, meglio bere lo psyllium lontano dai pasti. Il vantaggio di questo prodotto del tutto naturale è la ridotta probabilità di effetti indesiderati. Attenzione in ogni caso a non superare le dosi raccomandate e a consultare il medico in caso di patologie gastrointestinali preesistenti.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.