Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Scottature solari? Niente paura

Fa caldo e la voglia di mare è forte. Ma con il sole e una protezione non adeguata il rischio di scottature è forte. L'esposizione al sole senza filtri, infatti, causa facilmente quello che in dermatologia si chiama eritema solare: una manifestazione superficiale dolorosa caratterizzata da arrossamento e da dolorabilità al minimo contatto accompagnata, nei casi più seri, dall'insorgenza di vesciche, bolle e papule cutanee molto pruriginose. Spesso all’eritema si può affiancare una congiuntivite dovuta al riverbero dei raggi ultravioletti e da qualche linea di febbre. Teniamo presente che l'eritema solare è una vera e propria ustione, classificata di primo o secondo grado a seconda dei casi, i cui sintomi compaiono normalmente dalle 5 alle 12 ore dopo l'esposizione al sole. Il danno provocato da un eritema solare dipende da vari fattori, ma essenzialmente dal fototipo (e quindi dal colore della pelle) e dalla dose di raggi Uv assorbiti. Normalmente tende a guarire spontaneamente in pochi giorni, tuttavia a lungo andare aumenta il rischio di macchie cutanee, cheratosi attinica, formazione di rughe, perdita di tono ed elasticità della pelle e purtroppo anche melanomi.

Cosa fare contro le scottature?

Prima regola: la persona colpita va incontro a disidratazione e deve quindi bere molto. Naturalmente appena la scottatura si presenta dobbiamo metterci all’ombra e applicare impacchi di acqua fresca o tiepida per alleviare il dolore. Utili sono, nei dieci giorni successivi, le creme emollienti e idratanti ad esempio contenenti acido ialuronico o colostro, principi attivi capaci di favorire il naturale processo di recupero tissutale. Se si presenta febbre è utile monitorarla ed eventualmente vedere un medico prima possibile. In caso di congiuntivite è bene fare sciacqui con acqua fredda e indossare occhiali da sole o, in alternativa, restare al buio. Può essere utile anche applicare direttamente sulla pelle impacchi lenitivi naturali e avvolgere braccia e gambe ustionate con un panno inumidito di acqua fresca. Attenzione alla doccia o al bagno: utile usare prodotti emollienti ma certamente è importante asciugare delicatamente la pelle con un panno molto soffice così da evitare di graffiare o irritare ancor più la pelle arrossata

Prevenzione, prima di tutto

Ovviamente però occorre prevenire le scottature: non esponiamoci mai al sole senza creme solari e facciamolo sempre gradualmente. In particolare le persone con pelle molto chiara dovrebbero usare prodotti con fattore di protezione elevato e per tutto il tempo in cui stanno sotto al sole. Naturalmente applicare un filtro solare non significa che possiamo esporci al sole per tutto il tempo che vogliamo, ma solo che l’esposizione può essere protratta più a lungo prima che compaia l'arrossamento. Attenzione poi a evitare comportamenti che potrebbero peggiorare la situazione: ad esempio interrompiamo l’esposizione nei giorni successivi alla comparsa dell’eritema solare, non grattiamo mai la pelle e non rompiamo bolle o vescicole: ciò aumenterebbe infatti il rischio di infezioni.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.