Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Secchezza vaginale post menopausa: le soluzioni

Secchezza vaginale post menopausa: rimedi

Alcuni periodi della vita di una donna sono particolarmente complessi: uno di questi è quello successivo alla menopausa, quando la secchezza vaginale si fa sentire. Disturbo frequentissimo, è causato dal brusco calo degli estrogeni. Non a caso ne soffre il 47 per cento delle donne già dopo soli tre anni dopo l'ultimo ciclo. La condizione ha un impatto anche sulla vita di coppia: molte donne rinunciano infatti alla sessualità e quindi all’intimità proprio a causa di questa condizione. Eppure del disturbo si parla poco e malvolentieri: spesso infatti in menopausa i disturbi fisici e psicologici sono numerosi e pertanto questo, percepito come meno importante, passa frequentemente in secondo piano. Ma è sbagliato: secondo uno studio condotto alcuni anni fa su più di 3mila donne britanniche, in alcune popolazioni il disturbo può toccare il 60 per cento delle donne in post menopausa e si associa spesso ad atrofia vulvo-vaginale. I sintomi di questa condizione decisamente invalidante sono inizialmente quelli della semplice secchezza, con irritazione, prurito, bruciore, infiammazione e dolore durante i rapporti. Talvolta però si aggiunge una progressiva modificazione della struttura del tessuto interno alla vagina e della vulva, con conseguente fragilità. In altre parole, la superficie e le pareti si assottigliano, diventano fragili e secche e possono manifestarsi frequenti lacerazioni.

Attenzione alle infezioni

In questi casi è importante quindi consentire il ripristino dell’integrità della mucosa per migliorare i sintomi ma anche per evitare infezioni, spesso ricorrenti in presenza di microlesioni o ferite come queste. In particolare dopo la menopausa è frequente la cistite: capita soprattutto d’estate che questa fastidiosa infezione del basso tratto urinario (vescica e uretra) si faccia sentire. Ma non solo: son proprio le condizioni di debolezza dei tessuti con la scomparsa degli estrogeni a favorire l’infezione, da trattare rapidamente con l’aiuto del medico.

Rimedi naturali e terapie ormonali

In ogni caso oggi esistono strategie integrate ed efficaci per prevenire e curare la secchezza vaginale post menopausa. Da un lato ci sono le terapie ormonali, che tuttavia non sono adatte a ogni donna, mentre dall’altro ci sono i rimedi naturali la cui efficacia è ormai certificata e dimostrata scientificamente. Creme a base di a base di acido ialuronico e altri ingredienti di origine vegetale possono aiutare i tessuti: si tratta di rimedi che coadiuvano o gli ormoni, consentendo alle donne una salute completa sul piano fisico, psicologico, sessuale e sociale. In particolare è decisivo l’acido ialuronico, componente dei tessuti e del film di zuccheri in cui vivono i bacilli essenziali alla lubrificazione: in associazione anche a proteine come la sericina, può rappresentare una svolta nella salute genitale della donna in menopausa. Occorre però sapere che già alle prime avvisaglie di secchezza bisogna parlare con il ginecologo, e senza imbarazzi.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.