Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Tagli e ferite, i rimedi dalla natura

Tagli e ferite, i rimedi dalla natura

Tagli sulla pelle, ulcere, abrasioni sono ferite frequenti e generalmente non preoccupanti. In genere la loro cicatrizzazione avviene in modo del tutto naturale, grazie alla capacità della pelle di autorigenerarsi. Tuttavia, specie quando sono particolarmente estese o collocate in punti di difficile guarigione, il processo può essere lento. Molti prodotti naturali possono però agevolare la riparazione della pelle garantendo disinfezione. Un esempio è l’aglio che, applicato sulla pelle per non più di venti minuti, agisce da disinfettante ed è ben tollerato. Discorso analogo per il miele: svolge un’azione di disidratazione degli agenti patogeni, lasciando la pelle libera dalle infezioni. Questo tipo di azione del resto è permessa anche dallo zucchero, presente in grande quantità nel miele stesso: nel 2013 fu portato all’attenzione del mondo scientifico l’esperienza di Moses Murandu, docente di scienze infermieristiche presso la Wolverhampton University (Regno Unito). Dal suo paese di origine, lo Zimbabwe, Murandu ha portato la tradizionale pratica di curare ulcere e tagli cospargendo le ferite con qualche cucchiaino di zucchero. La terapia ebbe successo su un uomo di 62 anni che aveva subito l'amputazione della gamba sopra il ginocchio e la cui ferita faticava a rimarginare. Come? Assorbendo l'acqua di cui hanno bisogno i batteri per moltiplicarsi, lo zucchero aiuta a rimarginare ferite difficili.

Prodotti naturale per la riparazione

Contro l’infiammazione provocata dalla ferita sono adatti anche impacchi con patate oppure di camomilla grazie al contenuto di flavonoidi. Se pe le patate bastano impacchi con fettine sottili, per la camomilla basta immergere alcune bustine in acqua e poi avvolgerle intorno alla ferita con una garza. Ben note anche le proprietà di altri fiori e piante: la calendula, l’aloe vera (la cui polpa è ottima anche contro le ustioni), la centella asiatica e l’iperico, entrambi sotto forma di oli essenziali. Creme contenenti questi principi attivi, ma anche altri come l’acido ialuronico o il colostro, possono aiutare la riparazione dei tessuti. Se infatti una ferita impiega normalmente giorni a rimarginarsi, con l’acido ialuronico il tempo si riduce e gli esiti cicatriziali sono migliori. Molecola che lega a sé tantissima acqua, idratando gli strati superficiali della ferita questo principio attivo favorisce la proliferazione delle cellule coinvolte nei processi di riparazione dell’epidermide.

Acido ialuronico e colostro contro le ferite

Dalla natura viene anche il colostro bovino, alimento prodotto dalla ghiandola mammaria nella prima fase dell’allattamento. Ricco di nutrienti e fattori di crescita, è importantissimo per lo sviluppo del piccolo. Non a caso ha notevoli funzioni: favorisce l’attivazione del sistema immunitario e la riparazione dei tessuti e stimola la crescita epiteliale. Per questo oggi diverse pomate, creme e gel lo contengono: usato fin dai tempi antichi come rimedio naturale per la cute, ha proprietà cicatrizzanti, antibatteriche e protettive.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.