Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Tutti i vantaggi della corsa

Tutti i vantaggi della corsa

C’è uno sport alla portata di tutti, ottimo per il corpo e per la mente, e a costo zero: la corsa. Da tempo si sa che i vantaggi della corsa, nelle sue diverse forme, sono numerosi sotto ogni aspetto. Innanzitutto correre stimola la produzione di endorfine, le nostre sostanze naturali capaci di garantire benessere e piacere. Ma non è tutto qui: la corsa è infatti uno sport aerobico, ovvero caratterizzato da uno sforzo basso ma da una durata prolungata, e ciò contribuisce a ridurre il rischio di patologie cardiovascolari, problemi cardiaci, ictus e diabete. Assicura una diminuzione della pressione sanguigna, abbassa il colesterolo cattivo innalzando il livello di quello buono, regolarizza l’intestino, rinforza il sistema immunitario, migliora l’attività sessuale e aiuta a contrastare le dipendenze da fumo e alcol. Inoltre la corsa è un’attività senza stress, al contrario di altre attività come il tennis o il calcio dove il piacere e i benefici dovuti al movimento fisico sono raramente separati da tensioni emotive. Non dimentichiamo che la corsa può essere praticata da soli o in compagnia e che è libera: si può correre come, quando e dove si voglia, e ciò ha un impatto psicologico importante. Non a caso gli studiosi la definiscono un’attività sportiva naturale per l’uomo: il nostro corpo sembra essere concepito per camminare e correre.

La corsa fa bene al cervello

Oggi si sa inoltre che la corsa garantisce benefici all’intero sistema nervoso: questo tipo di attività svolge un ruolo primario nella nascita e nella proliferazione di nuove cellule staminali nel cervello dei topi di laboratorio, con un aumento notevole delle funzionalità di alcune regioni del cervello, soprattutto quelle dove avviene la nascita di nuovi neuroni. Del resto l'attività fisica è di fondamentale importanza nel mantenere il cervello in uno stato di benessere generale: questo aumenta la neuroplasticità, riduce l’invecchiamento cerebrale e ritarda la comparsa di sintomi di malattie neurodegenerative in pazienti malati di Alzheimer. I molti studi che oggi analizzano l’impatto che l’attività fisica aerobica, e in particolare la corsa, ha sul cervello hanno l’obiettivo di conoscerne il funzionamento. Va detto però che le applicazioni cliniche sono ancora lontane. Certamente sappiamo che l'attività fisica rappresenta la forma di prevenzione migliore sotto ogni aspetto.

Correre responsabilmente

Se è vero che tutti possono avvicinarsi alla corsa, resta importante farlo in modo responsabile. In particolare in chi comincia: l’obiettivo del principiante non dev’essere correre veloce per molti chilometri, ma riuscire a farlo il più a lungo possibile. Inoltre correre una volta ogni tanto non serve a molto: cerchiamo quindi di essere regolari, andando almeno due o tre volte la settimana. Ricordiamoci infine che anche se il programma di allenamento che abbiamo scelto non è impegnativo è sempre utile farlo precedere da un breve riscaldamento con qualche esercizio a corpo libero e alcuni minuti di camminata: solo così infatti possiamo evitare gli infortuni.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.