Armonia Fast

La soluzione Nathura per il buon sonno

Armonia Fast: melatonina di Nathura

I vantaggi del buon sonno!

I benefici del sonno sono molteplici, dal rafforzamento della memoria,
alle implicazioni con il metabolismo e il sistema immunitario. Dormire,
infatti, è una necessità primaria come nutrirsi e respirare.
Dormire è un'attività che occupa circa un terzo della propria vita; è un
periodo di "riposo apparente" in cui l'organismo mette in atto una serie
di attività importanti per la "sopravvivenza".
Il sonno è fondamentale per il benessere del nostro organismo ma, con i
ritmi stressanti di oggi, è sempre più difficile abbandonarsi a un sonno profondo.
E, notte dopo notte, ci si sente sempre più irritati, insoddisfatti, privi di
concentrazione ed energia.

È molto importante quindi dormire in modo regolare, per un numero di ore
adeguato alla nostra esigenza fisica e rispettare il nostro orologio biologico.

Armonia Fast: melatonina di Nathura

Il rilascio immediato

Perché assumere Armonia® Fast

Armonia® Fast è melatonina di purezza certificata e si caratterizza per un rilascio immediato.
La melatonina contribuisce alla riduzione del tempo richiesto per prendere sonno e ad alleviare gli effetti del jet lag. Si consiglia l'assunzione poco prima di coricarsi e preferibilmente alla stessa ora nelle seguenti modalità:

Armonia® Fast Compresse: 1 compressa

Armonia® Fast Gocce: assumere direttamente o diluire in poca acqua. Ideale per uso pediatrico.
In caso di jet lag, si consiglia l’assunzione di un minimo di 0,5 mg il primo giorno di viaggio e per alcuni giorni dopo l'arrivo a destinazione.

La linea Armonia® è l'unica sul mercato a contenere melatonina certificata, con grado di purezza non inferiore al 99,9% (Certiquality - Documento Tecnico n° 60 - certificato n° P1390)

Scopri i formati

ARMONIA FAST 1 MG
120 COMPRESSE

La melatonina nella sua
formulazione più classica.

ARMONIA FAST 1 MG
Gocce in flacone da 20ml (corrisponde a 110 assunzioni da 1 mg)

La formulazione pratica e comoda
per anziani e bambini

Lo sapevi che...

I disturbi del sonno sono molto diffusi!

È bello viaggiare, per piacere o per affari ma, quando si tratta di lunghe distanze bisogna fare i conti con la sindrome da jet lag e i suoi sintomi: stanchezza, nausea, irritabilità, sonnolenza e disturbi del sonno. Il jet lag è il risultato della de-sincronizzazione dei ritmi circadiani dovuto all’attraversamento di diversi fusi orari con un’alterazione del sonno, sia in termini di qualità che in termini di durata, per cui l’organismo ha bisogno di qualche giorno per adattarsi al nuovo orario.

La soluzione più semplice per contrastare questo fenomeno consiste nel sincronizzare il proprio orologio biologico con il ritmo luce-buio del Paese di arrivo, e il modo più veloce per farlo è assumere melatonina. Studi scientifici hanno dimostrato che, per migliorare i sintomi e abbreviare i tempi di ripresa del fuso orario, si consiglia la somministrazione di melatonina, una sostanza sicura e senza effetti collaterali, oltre ad andare a dormire seguendo l’orario del Paese di destinazione.

La tecnologia, oltre alle innumerevoli novità, ci ha consegnato un nuovo colpevole per le nostre notti insonni. Tablet e pc possono essere pericolosi per il buon sonno. Sembra infatti che le luci blu di tablet e smartphone possano provocare disturbi del sonno. Secondo un recente studio pubblicato su Nature del Professor Charles Czeisler, le luci artificiali dei dispositivi mobili alterano il ritmo naturale dell'organismo, spingendoci a restare svegli più a lungo. La luce, infatti, inibisce il corretto funzionamento dei neuroni

responsabili della produzione della melatonina, l’ormone che regola l’addormentamento, con una conseguente alterazione del ciclo sonno-sveglia. Ci ritroviamo così ad addormentarci sempre più tardi e al mattino a fare i conti con stanchezza, sonnolenza e scarsa concentrazione. Da qui la proposta di Czeisler di sostituire le luci blu con tonalità rosse o arancio, che interferiscono meno nel ciclo naturale sonno/veglia, anche se il consiglio migliore resta quello di spegnere qualunque dispositivo elettronico prima di andare a dormire.

Si sa che dormire è importante quanto nutrirsi o dissetarsi e la sua mancanza può provocare dei gravi danni all’organismo. Da oggi anche il cuore può essere colpito, soprattutto quello delle donne. A dirlo uno studio pubblicato sul Journal of Psychiatric Research condotto da esperti dell'Università di San Francisco che ha evidenziato il legame tra i disturbi del sonno e le patologie cardiovascolari. Lo studio ha preso in esame 700 ultrasessantenni, maschi e femmine, per 5 anni, già in cura per problemi cardiovascolari.

È stato visto che i disturbi del sonno possono aumentare il livelli d’infiammazione dell’organismo. In particolare, si è scoperto che nelle donne che lamentavano difficoltà ad addormentarsi, frequenti risvegli notturni e un sonno di meno di sei ore a notte, il livello d’infiammazione era maggiore. Continuano così le conferme che la mancanza di sonno va considerata un fattore di rischio cardiovascolari a tutti gli effetti e che dormire bene è importante anche per la salute del nostro cuore!

Soffri di qualche disturbo?

Il nostro migliore strumento di comunicazione è da sempre costituito dalla qualità, sicurezza ed efficacia dei nostri prodotti. Siamo specializzati in vari ambiti applicativi: benessere intestinale, buon sonno, protezione di cute e mucose, e riequilibrio del metabolismo.