Se stai Bene si Vede

Tutti i consigli di Nathura per stare bene e vivere meglio

Stitichezza, sintomi e rimedi naturali

stipsi cause e rimedi

La stitichezza (o stipsi o costipazione) è un problema molto diffuso. Con questo termine si intende un rallentamento del transito intestinale con una riduzione del volume delle feci. Questo produce evacuazioni poco frequenti, difficoltose e feci particolarmente dure da espellere. Un'indagine condotta su dati provenienti da 41 studi su un totale di oltre 260mila soggetti ha valutato attorno al 14 per cento la fetta di popolazione generale che soffre di stipsi.

Chi è più colpito dalla stiTICHEZZA

Certamente tra i disturbi dell'apparato digerente, la stipsi rappresenta la seconda ragione più frequenti di ricorso alle cure mediche dopo il reflusso gastroesofageo. Le ragioni sono diverse: una dieta spesso povera di fibre e ricca di cibi industriali, le condizioni di vita stressanti che non facilitano una corretta funzione intestinale ma anche la sedentarietà e la cattiva abitudine di scaricarci da seduti: meglio sarebbe poterlo fare su una turca. Inoltre la stipsi è tre volte più frequente nelle donne rispetto agli uomini. I motivi? Non è certo, ma si ipotizza che gli ormoni femminili abbiano un ruolo rilevante. La prevalenza della stipsi aumenta inoltre in modo esponenziale con l'età, soprattutto dopo i 65 anni. Anche in questo caso le ragioni sono diverse: una dieta meno varia, un ridotto tono muscolare, un incremento della sedentarietà e un maggiore uso di alcuni farmaci che, come effetto indesiderato, possono causare un rallentamento della funzione intestinale.

Aiutare l'intestino in modo naturale

Per molti la stipsi può essere cronica: in questi casi la diagnosi è spesso quella di sindrome dell'intestino irritabile con costipazione (IBS-C). Le cause possono essere diverse: una possibile predisposizione genetica e fattori ambientali possono essere presenti insieme a fattori come ad esempio pregressi episodi di infezione intestinale e un’alterazione della flora batterica. Dal momento che la stitichezza cronica può avere ripercussioni sulla qualità della vita a causa delle limitazioni fisiche e sociali prodotte, è bene intervenire subito. 
In generale, anche in caso di stitichezza occasionale, come prima azione, oltre a un confronto con il medico curante, è fondamentale rivedere la propria dieta quotidiana integrandola con un corretto apporto di fibre, che sono il miglior rimedio naturale per la stipsi e il ripristo del fisiologico transito intestinale; in aggiunta aumentare l'apporto di liquidi fino a due litri di acqua al giorno sono essenziali. Associare ginnastica quotidiana, anche leggera come camminate ed esercizi di yoga, ha un effetto benefico sul nostro intestino.

LA FIBRA DI PSYLLIUM 

Quando l'alimentazione non basta, si può ricorrere ad integratori alimentari a base di fibra di psyllium: la fibra di psyllium può essere un ottimo rimedio per la stitichezza occasionale e cronica. Lo psyllium ha la speciale caratteristica di essere una fibra parzialmente solubile, che riesce così a unire i benefici delle fibre solubili (effetto formante massa) e insolubili (effetto prebiotico). L'assunzione regolare di fibra di psyllium favorisce la regolarità intestinale: grazie alla sua capacità di assorbire l'acqua presente nel lume intestinale, favorisce la formazione di feci più voluminose e morbide (merito della presenza nella cuticola di mucillagini) e contemporaneamente aumenta la peristalsi intestinale.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.